La sborrata

Ogni uomo è diverso e, pertanto, la quantità di stimoli necessari per arrivare ad eiaculare sono vari e differenti a seconda delle situazioni. Alcuni, infatti, impiegano molto tempo prima di arrivare all'orgasmo, mentre altri (poveri loro, possiamo dire!) sborrano nel giro di qualche minuto. Per arrivare all'apice del piacere, però, l'uomo deve attraversare varie fasi. Vediamo quali:

  • Eccitamento: in questa fase, il pene va in erezione, poiché stimolato fisicamente con carezze nella zona genitale o nelle zone erogene o psicologicamente con fantasie sessuali, pensieri erotici. L'arrapamento, inoltre, è derivato, come potrete immaginare, anche dalla vista della donna che gli provoca eccitazione e voglia di fare sesso. L'erezione è determinata da un rapido afflusso del sangue nel pene.
  • Plateau: questa fase è quella relativa alla massima eccitazione provata dall'uomo e la sua durata varia al variare del maschio preso in considerazione. In questo momento concitato, il volume del glande aumenta in volume e assume un colore più acceso a causa del forte afflusso sanguigno
  • L'orgasmo: questa fase coincide con l'eiaculazione, durante la quale viene espulso il liquido seminale. La sborrata vera e propria è il momento di massimo piacere per un uomo, che va in una sorta di trance e perdita di controllo. Gli uomini possono anche esercitare un controllo volontario sul riflesso eiaculatorio e, quindi, anche di ritardare, per quanto possibile, la fuoriuscita dello sperma. Chi no ci riesce, spesso, è affetto da eiaculazione precoce.

Dopo l'orgasmo, la gran parte degli esponenti della frangia del "sesso forte" attraversa una fase di benessere psicofisico. Bisogna, però, fare una distinzione tra eiaculazione e orgasmo: nel primo caso, si fa riferimento all'aspetto meccanico del processo, che vede il pene mettersi in posizione eretta e la conseguente sborrata; nel secondo caso, invece, si fa riferimento a un'esperienza mentale che comprende sensazioni che vanno al di là del piacere meramente fisico.

Come sborra un  uomo?

Arrivato al massimo del piacere, un uomo può decidere di far fuoriuscire lo sperma in diversi modi: sborrare sulle tette, sulla pancia, sul e nel culo, sulla schiena e, soprattutto, in viso e in bocca: in quest'ultimo caso, il piacere arriva davvero alle stelle. Se vi sborra sul seno, sappiate che c'è una cosa che potrebbe farlo ulteriormente impazzire: vedervi sdraiate sul letto e spalmarvi la sua sborra sui capezzoli, sul corpo, come se fosse una crema di bellezza, anche da assaggiare con la bocca.

Non solo: gli uomini gradiscono, infatti, anche che la donna prenda con le dita la sborra e la spalmi sulla cappella. Si sentiranno apprezzati e godranno ancora di più, grazie al leggero massaggio e alle delicate pressioni fatte sulla cappella per spalmare il fluido seminale. Pertanto, non andate subito a lavarvi le mani o le altre parti del vostro corpo raggiunte dalla sborra: agli uomini piacciono le donne porche e sensuali.

La pratica preferita dagli uomini, però, resta quella di sborrare in bocca: la cavità orale, infatti, dà la sensazione di arrivare all'apice del piacere proprio come se si stesse sborrando in una calda vagina.

Un'altra alternativa, poi, consiste nello schizzare lo sperma sulla lingua della donna o fra le sue natiche (soprattutto se la donna in questione ha un bel culo). Gli uomini, infine, amano le donne che ingoiano la sborra e che leccano loro la capella per ripulirla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.